BOX N°47 – DECRETO LEGGE “CURA ITALIA” n.18 del 16 marzo 2020

Congedo speciale – Messaggio INPS 15.4.2020 n. 1621

L’INPS, con il messaggio 15.4.2020 n. 1621, indica i casi di compatibilità e di incompatibilità tra la fruizione del congedo COVID-19 (art. 23 del DL 18/2020) e altri istituti o indennità. L’incompatibilità, oltre che con la fruizione del bonus baby sitting, sussiste in caso di contemporanea:
– percezione di strumenti di sostegno al reddito da parte dell’altro genitore del nucleo familiare;
– fruizione, da parte dell’altro genitore del nucleo familiare, del congedo parentale e dei riposi giornalieri (artt. 39 e 40 del DLgs. 151/2001) per lo stesso figlio.
Il congedo COVID-19 è invece compatibile con:
– la malattia, lo svolgimento di lavoro agile e la fruizione di ferie o di aspettativa non retribuita negli stessi giorni da parte dell’altro genitore;
– se l’altro genitore è lavoratore part time o intermittente;
– la percezione del bonus per gli autonomi (artt. 27, 28, 29, 30 e 38 del DL 18/2020);
– la sospensione obbligatoria dell’attività da lavoro autonomo disposta durante il periodo di emergenza.
Per i figli con disabilità è consentito il cumulo, nello stesso mese, del congedo COVID-19 con i permessi di cui all’art. 33 co. 3 e 6 della L. 104/1992 (compresi gli ulteriori 12 giorni ex art. 24 del DL 18/2020), il prolungamento del congedo parentale (art. 33 del DLgs. 151/2001) e con il congedo straordinario ex art. 42 co. 5 del DLgs. 151/2001.

In collaborazione con Cerati Laurini Ampollini Dottori Commercialisti Associati – Milano 

0

Post Correlati

Privacy Preferences
When you visit our website, it may store information through your browser from specific services, usually in form of cookies. Here you can change your privacy preferences. Please note that blocking some types of cookies may impact your experience on our website and the services we offer.