BOX N°40 – DECRETO LEGGE “CURA ITALIA” n.18 del 16 marzo 2020

Temporanea riduzione del canone

L’ accordo con il conduttore di un immobile commerciale volto alla riduzione del canone di locazione per i contratti di locazione e che sono oggetto di chiusura per l’emergenza sanitaria potrebbe attenuare egli gli effetti negativi dell’emergenza. Tale soluzione ha i seguenti effetti:
– da un lato, consente al conduttore di ridurre l’impatto economico del canone da pagare per un bene di cui non può disporre in modo pieno, senza dover subire le incertezze di un giudizio che riconosca la temporanea impossibilità della prestazione;
– dall’altro, consente al proprietario di ridurre l’impatto dell’imposizione diretta, atteso che, in linea di principio, a norma dell’art. 26 del TUIR, i canoni di locazione commerciale concorrono a formare il reddito a prescindere dalla percezione.

L’accordo di riduzione del canone non è soggetto ad obbligo di registrazione (ris. Agenzia delle Entrate 60/2010).

In collaborazione con Cerati Laurini Ampollini Dottori Commercialisti Associati – Milano 

0

Post Correlati

Privacy Preferences
When you visit our website, it may store information through your browser from specific services, usually in form of cookies. Here you can change your privacy preferences. Please note that blocking some types of cookies may impact your experience on our website and the services we offer.