BOX N°39 – DECRETO LEGGE “CURA ITALIA” n.18 del 16 marzo 2020

 Sospensione dei versamenti in scadenza nei mesi di aprile e maggio

Il D.L. in questione mira a garantire, tra le altre cose, ulteriore liquidità immediata per le imprese (200 miliardi per il mercato interno e 200 miliardi per l’export), nonché la sospensione dei versamenti dell’IVA, delle ritenute e dei contributi per i mesi di aprile e maggio 2020. Per i soggetti con ricavi o compensi non superiori a 50 milioni di euro nel 2019, è prevista la sospensione dei termini di versamento qualora si verifichi una diminuzione dei ricavi o dei compensi di almeno il 33% in ciascun mese rispetto all’anno precedente; per i contribuenti con ricavi o compensi superiori a 50 milioni di euro, la sospensione opera a condizione che i ricavi o i compensi siano diminuiti almeno del 50%.
I versamenti sono sospesi in ogni caso per i soggetti che hanno iniziato ad operare dall’1.4.2019.
Per i residenti delle Province più colpite (Bergamo, Brescia, Cremona, Lodi, Piacenza), la sospensione del versamento IVA opera a fronte del calo del fatturato di almeno il 33%, a prescindere dalla soglia di fatturato. Le scadenze di aprile e maggio investono anche le ritenute d’acconto sui redditi da lavoro autonomo prevista dal DL 18/2020.

In collaborazione con Cerati Laurini Ampollini Dottori Commercialisti Associati – Milano 

0

Post Correlati

Privacy Preferences
When you visit our website, it may store information through your browser from specific services, usually in form of cookies. Here you can change your privacy preferences. Please note that blocking some types of cookies may impact your experience on our website and the services we offer.