Richiesta al Governo a Favore dei Rivenditori di Auto Usate – Diffusione COVID19

ASSONAUTO, Associazione Nazionale Rivenditori Auto, rappresenta le imprese che svolgono attività di Vendita Autoveicoli Usati, settore fondamentale del comparto automobilistico nazionale con oltre 5.500.000 passaggi di proprietà nel 2019, pari a circa il 15% del parco circolante.

La situazione di emergenza sanitaria causata dal COVID19 si stia ripercuotendo in maniera drammatica sul settore, tant’ è che moltissimi Rivenditori hanno optato per la CHIUSURA TEMPORANEA dell’attività al fine di garantire la salute propria e dei propri dipendenti.
Se da un lato questo comportamento porta lustro alla sensibilità ed umanità dei Rivenditori Professionali di Veicoli Usati, dall’ altro impone scelte economiche drastiche che non possono essere più differite, considerando anche la sensibile contrazione delle vendite già in atto da inizio anno.

Ecco perché ci permettiamo sottoporre alla Vostra attenzione, le pressanti richieste che ci giungono quotidianamente da parte dei Rivenditori di cui ci onoriamo essere portavoce e che potrebbero essere sintetizzate nelle seguenti fasi:

SOSTEGNO IMMEDIATO PER GARANTIRE LA CONTINUITA’ AZIENDALE CONTRIBUTO ALLA RIPRESA
CONSOLIDAMENTO SUCCESSIVO DELL’ATTIVITA’
Nello specifico:

• SOSPENSIONE DI TUTTE LE SCADENZE DELLE RATEAZIONI/ROTTAMAZIONI IN AGENZIA DELLE ENTRATE RISCOSSIONE FINO AL 30/09/2020;
• SOSPENSIONE DEI VERSAMENTI CONTRIBUTIVI (contributi INPS, INAIL, FONDI, ENTI BILATERALI) E FISCALI (IRAP, IRES, IVA, RITENUTE) FINO ALLA DATA DEL 30/09/2020;

• ATTIVAZIONE DI AMMORTIZZATORI SOCIALI (CASSA INTEGRAZIONE IN DEROGA) CON PROCEDURA SNELLA (SENZA ACCORDO SINDACALE, MA CON AUTOCERTIFICAZIONE AZIENDALE) PER TUTTE LE AZIENDE;
• ATTIVAZIONE DI UNA GARANZIA STATALE PER ATTIVAZIONE/ESTENSIONE DI LINEE DI CREDITO TEMPORANEE A SOSTEGNO DEI RIVENDITORI DI AUTO USATE DA PARTE DEL SISTEMA BANCARIO

Quanto sopra in riportato, tiene conto del fatto che se anche dovessimo ritornare alla normalità entro fine Giugno 2020, si dovrebbe comunque dare ai Rivenditori il tempo necessario per effettuare nuove compra-vendite e incassare le relative fatture.

Le richieste svolte riguardano ovviamente la gestione dell’emergenza, ma passata questa fase, sarà necessario ragionare su occasioni di effettiva ripresa e valorizzazione delle imprese; opportunità e soluzioni che non possono vedere le realtà rappresentate trattate indistintamente nella più generale categoria del commercio, pena vanificare gli interventi stessi, nella chiara peculiarità di questo segmento che non potrà essere aiutato con interventi generalisti.

Leggi il Comunicato Completo

0

Post Correlati

Privacy Preferences
When you visit our website, it may store information through your browser from specific services, usually in form of cookies. Here you can change your privacy preferences. Please note that blocking some types of cookies may impact your experience on our website and the services we offer.