+39.010.0920536 segreteria@assonauto.it

Norme sull’utilizzo dell’account di posta elettronica Assonauto

Le Norme  sull’utilizzo degli indirizzi di posta elettronica Assonauto svolgono un ruolo importante nel garantire un’esperienza positiva per tutti gli utenti che le utilizzano. È opportuno assicurarsi di visitare di nuovo questa pagina di tanto in tanto, poiché le norme possono essere soggette a variazioni. Per ulteriori informazioni, fare inoltre riferimento ai termini del Programma email Assonauto.

 Spam e messaggi di posta collettivi

È vietato utilizzare l’indirizzo email Assonauto per distribuire spam o messaggi commerciali non richiesti.

È vietato utilizzare l’indirizzo email Assonauto per inviare email che violano il CAN-SPAM Act o altre leggi antispam, per inviare email non autorizzate attraverso server aperti di terze parti o per distribuire indirizzi email di altre persone senza il loro consenso.

È vietato automatizzare l’interfaccia della mail di Assonauto per inviare, eliminare o filtrare email in modo da ingannare o raggirare gli utenti.

Si tenga presente che la propria definizione di “non richiesto” o “non desiderato” potrebbe essere diversa da quella dei destinatari delle email. È opportuno adoperare il buonsenso quando si inviano email a un gran numero di destinatari, anche se in precedenza hanno scelto deliberatamente di ricevere tali email. Quando gli utenti che utilizzano le mail Assonauto contrassegnano le email di un utente come spam, aumenta la probabilità che i messaggi inviati da quell’utente in futuro vengano classificati come spam dai sistemi antiabuso del nostro gestore.

Malware

È vietato utilizzare la mail di Assonauto per diffondere virus, malware, worm, difetti, Trojan horse, file danneggiati o qualsiasi altro materiale di natura distruttiva o ingannevole. È inoltre vietato distribuire contenuti che possano danneggiare reti, server o altre infrastrutture di proprietà di Assonauto o di altre entità o interferire con il loro funzionamento.

Attività fraudolente, phishing e altre pratiche ingannevoli

È vietato utilizzare la mail di Assonauto per ingannare, fuorviare o raggirare altri utenti sotto falsi pretesti per ottenere le loro informazioni.

È vietato ricorrere a pratiche di phishing per ottenere dati degli utenti quali dati di accesso, password, informazioni finanziarie o numeri di documenti di identificazione. È inoltre vietato utilizzare la mail di Assonauto come parte di una strategia per truffare altre persone.

Sicurezza dei minori

Assonauto adotta una politica di tolleranza zero contro le immagini pedopornografiche. Quando veniamo a conoscenza di tali contenuti, li segnaliamo al National Center for Missing and Exploited Children come richiesto dalla legge. Inoltre possiamo prendere provvedimenti disciplinari come la chiusura degli account Assonauto delle persone coinvolte.

Copyright

L’utente è tenuto a rispettare le leggi sul copyright. È vietato violare i diritti di proprietà intellettuale altrui, compresi i diritti relativi a brevetti, marchi, segreti industriali e altri diritti di proprietà. È inoltre vietato incoraggiare o indurre altre persone alla violazione dei diritti di proprietà intellettuale. È possibile segnalare violazioni del copyright a Assonauto utilizzando l’indirizzo di posta elettronica direzione@assonauto.it 

Molestie

È vietato utilizzare la mail di Assonauto per molestare, intimidire o minacciare altre persone. Assonauto può disattivare l’account di coloro che utilizzano l’indirizzo email a questi scopi.

Attività illegale

L’utente è tenuto a rispettare sempre le leggi. È vietato utilizzare la mail di Assonauto per promuovere, organizzare o svolgere attività illegali.

Applicazione delle norme

È possibile segnalare illeciti inviando una mail all’indirizzo: direzione@assonauto.it.  Assonauto potrebbe disattivare gli account che violano queste norme. Se l’account dell’utente viene disattivato e l’utente ritiene che si sia trattato di un errore, può inviare una comunicazione all’indirizzo direzione@assonauto.it indicandone le motivazioni e/o comprovando l’errore.

Genova, il 27/05/2019